Instagram

Seguimi!

Milano da scoprire: Farage Cioccolato

3 dicembre 2016

C’è una sala da tè nel cuore di Brera, a Milano, che rispecchia esattamente il genere di locale dove mi piace andare spesso. Si chiama Farage Cioccolato. È una bomboniera accogliente, con divanetti confortevoli e alcuni angoli più appartati, con un bel bancone per prendere un cappuccino di corsa e una saletta inferiore dove pranzare in mezzo colori armoniosi e a qualche orchidea.

Che cosa fa di un posto – come potrebbero essercene tanti a Milano, eppure scarseggiano sempre – un luogo speciale?

Il segreto è sempre il cuore e l’anima di chi li concepisce. In questo caso il merito è di Lina Farage, una deliziosa signora brasiliana, con un passato da industrial designer e decenni di esperienza in campo ristorativo. Lina ha disegnato tutto da sola, a sua misura: giratevi e incrocerete qualcosa che porta il suo tocco, dalle scatole per i cioccolatini ai barattoli per il tè. Lina non si ferma mai e le sue vetrine sono un inno all’eleganza e alla gioia che può regalare un cioccolatino.

Ogni volta che entro c’è una nuova tentazione.

Nelle vetrine – ad esempio – fanno bella mostra di sè i dessert creati in esclusiva da Alessandro Servida (che avevo già incontrato qui). Servida è un pasticcere lombardo, maestro AMPI, che è stato definito lo stilista del dolce: i suoi dessert si distinguono per il raffinato senso estetico, la capacità di restare aderente alla tradizione interpretandola in maniera moderna, con abbinamenti e forme inaspettate.

Il mio dolce preferito è l’Atmosfera, un bianco mangiare al profumo di mandorle e limone con cuore di salsa all’ananas, una base croccante e salsa al limone. Da Farage Cioccolato, il bello incontra sempre il buono e quello che invoglia a prima vista, convince e conquista al primo assaggio.

La cioccolata in tazza di Farage ha (giustamente) numerosi fan

La cioccolata in tazza di Farage ha (giustamente) numerosi fan

Potete andarci la mattina per colazione ma potete fermarvi per uno spuntino salato anche durante l’arco della giornata: la cucina è sempre attiva con un piccolo menù rassicurante, capace di accontentare chiunque. È un posto femminile, senza essere lezioso, una cornice tranquilla e controcorrente rispetto al trend cittadino che si affanna sempre per essere modaiolo.

Un’ultima nota, sul servizio: i ragazzi sono giovani, carini e sorridono. Che poi, spesso, è tutto ciò che si chiede a un cameriere.

Dove:

Farage Cioccolato – Via Brera 5, Milano

    Leave a Reply