Il sapore del successo

27 Novembre 2015

Questo post è dedicato a voi che non disdegnate un film senza pretese intellettuali, con protagonisti sexy quanto basta e una storia spudoratamente commerciale. Godetevi la gallery e valutate una sortita al cinema nel fine settimana.

locandina-il-sapore-del-successo-low

Il sapore del successo, in sala dal 26 novembre 2015, è distribuito da 01 Distribution

Il sapore del successo di John Wells ha come protagonista Bradley Cooper che fa lo chef bisteccone e problematico. Credo vi basti sapere questo: vedrete un mix di quello a cui ci hanno abituato i food reality, molto ben confezionato e glamour.

Sappiate che questa trama non sarebbe mai stata possibile se – nel lontano 2000 – Anthony Bourdain non avesse scritto il suo Kitchen Confidential, raccontando storie atroci di sesso, droga ed alta cucina.

Dopo sono arrivati i cattivoni alla Gordon Ramsay, a dare consistenza televisiva allo stereotipo del cuoco bestia. Non importa se i migliori chef del mondo sono sovente persone più che a modo o conducono una vita più regolare di quello che va di moda far trasparire. L’anticonformismo è sempre una bella carta da giocare.

Le atmosfere cameratesche, la brigata di cucina e il protagonista Adam Jones, tuttavia, reggono il ritmo rock del film e conquistano, che voi sappiate come funziona la vita reale o meno. Il protagonista “scoppiato” che si redime ci piace sempre molto.

Qualcuno ha avuto da ridire sulla traslitterazione del titolo originale “Burnt”: anche in italiano “bruciato” ha un significato gergale, attinente al carattere del nostro protagonista tutto genio e sregolatezza. Bruciato, tuttavia, ricorderebbe un po’ troppo un film alla Rossellini, mentre Il sapore del successo vi suggerisce la verità: un titolo da chick lit per una pellicola che fa andare in un brodo di giuggiole noi ragazze, maniache di fornelli e grembiuli ben riempiti, sempre alla ricerca dell’orgasmo culinario da una parte e dall’altra dello schermo.

Nel cast, oltre a Bradley Cooper, ci sono Sienna Miller (nei panni della sous chef Helène), Omar Sy (che abbiamo già adorato in “quasi amici” vero?), Riccardo Scamarcio (credo sia fondamentale ci sia, non che reciti), Daniel Brüh, Sam Keeley, Alicia Vikander (vista e apprezzata in “Operazione UNCLE”), Matthew Rhys, Uma Thurman, Emma Thompson, Lily James, Sarah Greene.