COME

Biscotti mandorle e nocciole

21 novembre 2015

Un pomeriggio di molti anni fa, ero stata presa dalla smania di fare i vanille kipferl, quei biscottini di pasticceria viennese fatti a ferro di cavallo, qualche volta intinti nel cioccolato.

Era sicuramente una domenica – quando i negozi a Milano chiudevano ancora per riposo – perché non avevo tutta la farina di mandorle che mi serviva e non potevo uscire a comprarla. Però, avevo in casa una parte di nocciole e la voglia di fare biscotti era inarrestabile.

Avete presente quando volete cucinare, la vostra parte razionale vi bisbiglia che non otterrete mai il risultato canonico ma dite a voi stessi “o la va o la spacca”? Il momento era proprio quello. A volte devo buttare via tutto ma altre volte gli esperimenti danno risultati interessanti.

Ora, prima di suggerirvi questa variante dei kipferl alla vaniglia, vi do un consiglio di metodo: quando modificate una ricetta o ve la inventate di sana pianta, scrivete tutto quello che fate. Se sarà un successo, potrete replicarlo, altrimenti avrete una base su cui lavorare per migliorare.

image

Dategli fiducia, anche se prima della cottura sembrano lumaconi.

Per fare i miei non-kipferl, che per onestà filologica chiamerò solo biscotti alle mandorle e nocciole, setacciate 150 g di farina di mandorle, 250 g di farina di nocciole, 280 g di farina tipo 1, 160 g di zucchero, un bel pizzico di sale e l’immancabile contenuto di un baccello di vaniglia. Unite 200 g di burro freddo (usate il mixer o la planetaria con il gancio k), poi aggiungete 3 tuorli. Lavorate la pasta quel tanto che basta, fate la solita mattonella e mettetela in frigorifero 2 ore.

Scaldate il forno a 190°c e formate con l’impasto dei cilindretti dello spessore del dito mignolo di uno scaricatore di porto e tagliateli ad una lunghezza di circa 8-10 centimetri, poi curvateli come dei corni. Io, che quando voglio sono una precisina, faccio in modo che ogni biscotto pesi 20 o 25 g. Fateli cuocere per 10 minuti.

Quando saranno tiepidi, tuffateli nello zucchero a velo mescolato a zucchero vanigliato, nella proporzione 5:1.

    Leave a Reply