Man Ray e gli scacchi

7 Settembre 2015

Vi ho già parlato di Copenhagen come una delle città ideali per una visita con i bambini.

Siete ancora in tempo, se partite uno di questi ultimi weekend di settembre, per portare i vostri figli ad avere un’esperienza artistica e scacchistica molto particolare.

La Glyptoteket – uno dei più grandi musei d’arte dell’Europa settentrionale – sta ospitando la mostra Man Ray – Human Equations.

man-ray-julius-caesar

Man Ray – Julius Caesar (1948) Oil on Masonite, Rosalind & Melvin Jacobs Collection, New York

Torso - AS version 3

Man Ray Torso (1936) Gelatin silver print, Private collection, Paris

Man Ray (1890-1976) è stato uno dei più grandi artisti del XX secolo; provocatorio e visionario – ha lasciato il segno sia sul Dadaismo sia sul Surrealismo – è stato uno dei pionieri della fotografia moderna. Per questo motivo, pochi associano Man Ray a una serie di dipinti a olio che hanno come soggetto figure geometriche tridimensionali. Man Ray, così fuori dalle righe, è stato un fotografo che dipingeva e un artista concettuale che lottava con la pittura figurativa.

Mathematical Model - Courtesy of Institut Henri Poincare, Paris

Mathematical Model – Courtesy of Institut Henri Poincare, Paris

La mostra espone circa 130 pezzi; sono presenti quasi tutte le opere fondamentali e una serie di dipinti quasi sconosciuti al pubblico, le Shakespearean Equations.

Nella parte di museo chiamata Thought Passage, si trova un’area dedicata a gioco e pensiero, in cui grandi e piccoli sono invitati ad affrontare alcuni temi alla maniera di Man Ray. Potrete risolvere equazioni e fare della matemagica, giocare con le figure geometriche dei quadri, immergervi nel mondo di Shakespeare e soprattutto giocare a scacchi.

Dove: Alla NY CARLSBERG GLYPTOTEK, Dantes Plads 7 | DK-1556 Cph.[email protected] fino al 20 settembre

Romeo and Juliet

Romeo and Juliet (1954) Oil on canvas, Private collection, courtesy Fondazione Marconi, Milan

In copertina: Man Ray, Twelfth Night (1948) Oil on canvas, Hirshhorn Museum and Sculpture Garden, Smithsonian Institution, Washington, DC